Le migliori canzoni da viaggio in macchina

Il viaggio è musica… di Beatrice Verga

Un viaggio in auto senza la musica è qualcosa di impensabile, dal momento che muoversi in macchina è una vera e propria filosofia di vita, che coinvolge in maniera indissolubile anche le scelte creative personali. Ogni viaggio può essere caratterizzato da uno stato umorale particolare, e noi vogliamo aiutarvi con qualche consiglio musicale “ad hoc” per riuscire a trascorrere delle ore piacevoli al volante della propria macchina.

 

Viaggiatore in pace con il mondo

Guidare può essere un ottimo antidoto antistress; quando avete raggiunto l’invidiabile traguardo (anche se poco duraturo) che è la pace mentale la musica ideale può essere un pezzo folk, in grado di evocare atmosfere bucoliche e spensierate. La colonna sonora per questa tipologia di viaggiatore è Beirut, pregevolissima sinergia tra voce e ukulele.

Beirut – A Sunday Smile – The Flying Club Cup – Anno 2007

(ascolta su Spotify)

 

Viaggiatore dubbioso

Quale posto migliore dell’auto per riflettere sulla propria vita e sulle circostanze personali relative a lavoro e sfera privata? Un viaggio in automobile concilia tantissimo tale situazione, che rappresenta un momento estremamente tipico per un gran numero di persone che si muovono da una parte all’altra di una grande metropoli, oppure che attraversano un Paese per scoprirne le bellezze più nascoste. La colonna sonora per questa tipologia di viaggiatore è un classico del rock, ossia No Quarter dei Led Zeppelin, un brano che si presta molto a essere accostato a quell’entità straordinariamente complessa che è il flusso di coscienza…

Led Zeppelin – No Quarter – Houses of the Holy – 1973

(ascolta su Spotify)

 

Viaggiatore arrabbiato

Quante volte vi è capitato di arrabbiarvi al volante della vostra auto? Sicuramente tante! Gli appassionati delle ore al volante sanno perfettamente che in tale contesto è possibile provare i sentimenti in maniera amplificata, dal momento che entrano in gioco numerosi
fattori, tra cui l’adrenalina della velocità, la solitudine e il rincorrersi di numerosi pensieri. Per questa tipologia di viaggiatore il consiglio musicale va a toccare il meglio del rock italiano (quello che manca a tantissimi appassionati) con Gira nel mio Cerchio dei Litfiba, un pezzo carico di adrenalina e di virtuosismi vocali in grado di intercettare in maniera eccelsa gli sbalzi d’umore.

Litfiba – Pirata – Gira nel mio cerchio – Anno 1989

(ascolta su Spotify)

 

Viaggiatore creativo

Un viaggio in auto può essere un’occasione perfetta per mettere in ordine delle idee creative. Chi ama l’arte può senza dubbio comprendere l’importanza che ha il tempo passato a guidare se si ha intenzione di portare a realizzazione concreta qualcosa ancora in stato embrionale. Sono tantissime le opere d’arte di diverso genere legate al viaggio in automobile, e tutte hanno lasciato un’impronta rilevante nel tessuto socioculturale. Il consiglio musicale per questa tipologia di viaggiatore un po’ nostalgico e un po’ sognatore va a guardare a degli anni che hanno lasciato un segno indelebile nel cuore di chiunque si senta “nomade dentro” nonostante l’età e i cambiamenti di vita, ed è la versione di House of The Rising Sun cantata da Joan Baez (1960), che è riuscita a fare suo in maniera impareggiabile un brano che riesce ancora oggi a far scendere una lacrima a chi lo ascolta.

Joan Baez Version – The House of the Rising Sun – Vanguard – Anno 1960

(ascolta su Spotify)

…e tu che viaggiatore sei?

Commenta condividendo la tua canzone da viaggio in macchina preferita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *