Kei car: alla scoperta delle mini auto giapponesi

Le Keicar sono delle mini auto giapponesi che hanno incuriosito i turisti di tutto il mondo: ecco la loro storia.

Chi ha avuto modo di visitare il Giappone o chi ha una certa conoscenza della cultura nipponica sa sicuramente cosa sono le kei car. Tuttavia, è interessante notare che quest’informazione è nota anche a pubblici più vasti. Infatti, le kei car sono un fenomeno giapponese che da tempo incuriosisce il mondo intero. Ecco di cosa si tratta e perché sono diventare famose.

Cosa sono le Kei car

Come può suggerire lo stesso nome, le kei car sono delle vetture tipiche del Giappone. Infatti, una prima curiosità su queste auto è che si possono trovare solo in questa parte del mondo. Allo stesso modo, a produrle sono solo case di auto nipponiche, le quali rivolgono questa tipologia di prodotti solo al mercato nazionale. 

Scelte sia come auto familiari che per ragioni commerciali, le kei car sono dei veicoli piccoli ed estremamente leggeri. Infatti, queste auto hanno tutte una lunghezza che non supera mai i 3,4 metri, una larghezza di circa 1,50 metri e una cilindrata di massimo 660 cc.

Il significato del nome e perché sono famose

La praticità delle kei car è indicata anche dal loro nome: questo perché la denominazione di queste vetture deriva dal giapponese “keijidousha”, che significa proprio “veicolo leggero”. I primi esemplari di queste auto risalgono alla fine della seconda guerra mondiale e il motivo che ha portato alla loro ideazione è meramente economico.

Infatti, in quel periodo il Giappone si trovava in piena fase di ricostruzione e non si disponeva di particolari fondi per acquistare delle auto. Per rimediare a questa situazione, il Governo decise di promuovere dei benefici economici per le auto di piccola dimensione, e ciò diede vita alle kei car. Infatti, in Giappone è necessario dimostrare di avere uno spazio di parcheggio per poter possedere un’auto e, ancora oggi queste vetture permettono di parcheggiare facilmente. Inoltre, è anche possibile ottenere assicurazioni a basso costo, per cui la legislazione degli anni ’50 ha i suoi effetti nell’ancora grande diffusione di queste auto.

Kei car: curiosità

Una chicca riguardo le kei car è legata alla loro targa: infatti, se sono ad uso privato è possibile riconoscerle perché la targa è gialla con i numeri neri, mentre se sono vetture commerciali la targa avrà i colori in senso opposto.

Infine, queste auto si stanno dimostrando un settore fondamentale per lo sviluppo del mercato elettrico e, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, offrono spesso diversi servizi come l’aria condizionata, il navigatore e il cambio automatico.

 

Altri articoli di Martina Bianchi
Portogallo on the road: itinerario in 10 giorni
Dal mare alla montagna, senza dimenticare la cultura e le tradizioni culinarie:...
Continua a leggere
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *