#Italiaontheroad – Di vallata in vallata, Cuneo e i suoi dintorni

cuneo

Cuneo è un gioiello protetto da un ventaglio di splendide vallate, scopribili attraverso un ampio percorso ad anello. Il punto di partenza non può che essere la bella città capoluogo, da cui si può proseguire verso le Valli Monregalesi, che fanno da sfondo alle città di Mondovì e Vicoforte, sede dell’omonimo Santuario con la cupola ellittica più grande al mondo. Lasciandosi alle spalle il Monregalese, la tappa successiva può essere la Valle Pesio con il Parco Naturale del Marguareis che protegge un territorio molto interessante sia dal punto di vista paesaggistico, sia per le splendide cavità sotterranee. Sempre in tema di parchi, imperdibile è il Parco Naturale delle Alpi Marittime che si estende nelle valli Vermenagna, Gesso e Stura. Il percorso prosegue in direzione di Saluzzo – capitale di un antico Marchesato – attraversando le sontuose Valli Grana, Maira, Varaita e Po, dominate queste ultime dal Monviso (3841 m), la cima più alta delle Alpi Cozie. Scendendo nettamente di quota ci si può far suggestionare dalla bellezza delle amene colline Saluzzesi e farsi avvolgere dall’atmosfera medievale del Castello della Manta, oggi bene del FAI. Per concludere in bellezza, si possono scoprire le artistiche città di Savigliano, Fossano e Racconigi o concedersi una sosta a Piozzo ed a Carrù, alle porte delle Langhe, per sorseggiare una buona birra artigianale e deliziarsi con uno dei piatti principi della cucina piemontese: il Bollito a base di carne bovina di razza piemontese. Lasciamoci accompagnare attraverso le bellezze di Cuneo e dei suoi dintorni dagli amici dell’A.T.L. del Cuneese e il loro portale Cuneoholiday.com.

Consigli dell’esperto: un tesoro nascosto che purtroppo solo i locali conoscono!

cuneo

Se si vuole vivere fino in fondo l’esperienza turistica nel territorio del Cuneese, è indispensabile immergersi nella cultura locale più intima, abbandonando le grandi strade statali per percorrere invece quelle secondarie che solcano le montagne. Questo permetterà l’incontro di numerose borgate senza tempo, i cui abitanti mantengono la lingua, gli usi e costumi della tradizione.

Molte sono le tracce della storia ancora tangibili nel Cuneese e che valgono bene una visita. Ne sono un esempio alcuni tesori quali il sito archeologico di Bene Vagienna, la Necropoli di Valdieri ed il Forte Albertino di Vinadio. L’antica Augusta Bagiennorum, uno dei siti romani meglio conservati della provincia di Cuneo, si trova in Frazione Roncaglia di Bene Vagienna e conserva ancora i resti del teatro, della basilica paleocristiana e dell’acquedotto. Numerosi reperti sono conservati presso il Museo Archeologico in centro città. Nel mese di luglio l’antico teatro romano diventa la sede di un festival di cultura classica intitolato “Le Ferie di Augusto”. Il centro storico di Bene Vagienna è un interessante insieme di case medievali e barocche e saltuariamente ospita “Augusta Antiquaria”, mercatino di collezionismo e antichità con oltre trecento bancarelle.

La Necropoli protostorica di Valdieri, in Valle Gesso, è un sito archeologico piccolo ma importante nel panorama italiano. La ricostruzione fedele di un edificio dell’età del bronzo, insieme a orti, recinti per gli animali domestici, fornaci e così via, permettono di rivivere momenti ed esperienze simili a quelle degli antenati del 1200 a.C.

cuneo

Le fortificazioni di Vinadio sono da considerarsi uno dei più significativi esempi di architettura militare dell’intero arco alpino. La costruzione del Forte “Albertino” venne decisa sotto il regno di Carlo Alberto di Savoia; avrebbe dovuto costituire un’inespugnabile fortezza a difesa del confine tra lo Stato Piemontese e la Francia. Nel 1862 venne utilizzata per la prigionia di 400 Garibaldini fermati nella Battaglia di Aspromonte. Il Forte ospita oggi il Museo multimediale “Montagna in movimento”, dedicato alla cultura occitana ed è visitabile da giugno a settembre.

Consigli sulla viabilità: quali sono le strade più panoramiche da percorrere e quali invece da evitare per il traffico?

cuneo

Intorno alla città di Cuneo si aprono a ventaglio 9 vallate alpine, ognuna delle quali vanta strade che salgono in quota garantendo panorami mozzafiato: valgono senz’altro la pena il Vallone dell’Arma che da Demonte conduce al Colle della Fauniera ed il Vallone d’Elva in Valle Maira. Degne di nota sono anche la “Strada delle Cappelle” che unisce Mondovì Piazza a Vicoforte e la strada che unisce Fontane di Frabosa Soprana a Prato Nevoso (Frabosa Sottana).

Cuneo e le sei sorelle (Alba, Bra, Fossano, Mondovì, Saluzzo, Savigliano) sono cittadine “a misura d’uomo”: la viabilità non è mai congestionata, ad esclusione delle strade di accesso ad Alba durante le ore di punta. Un punto a favore per tutti gli automobilisti.

“Se non ora, quando?”: i migliori periodi dell’anno per visitare Cuneo e provincia.

cuneo

Il territorio cuneese sa valorizzare le proprie risorse durante tutti i periodi dell’anno. Le cime delle Alpi Liguri, Marittime e Cozie ben si prestano alla pratica di tutti gli sport all’aria aperta, da quelli estivi come l’escursionismo, l’arrampicata, il rafting, la pesca, il cicloturismo, la MTB ed il mototurismo a quelli invernali come lo sci da discesa, di fondo e alpinismo, il freeride, il pattinaggio su ghiaccio e l’arrampicata su cascate di ghiaccio, a quelli. Numerose sono le località sciistiche, tra le principali i comprensori del Mondolè ski costituito da Prato Nevoso, Artesina e Frabosa Soprana e la Riserva Bianca di Limone Piemonte.

cuneo

In primavera ed autunno si concentrano i principali eventi fieristico-gastronomici del Cuneese: vere celebrazioni dei prodotti di eccellenza locali.

Usi e costumi: quali feste tradizionali o sagre sono assolutamente imperdibili?

cuneo

La provincia Granda è un territorio sempre in festa per celebrare una vasta offerta gastronomica. Le feste e le sagre sono talmente numerose che citarle tutte sarebbe impossibile, pertanto, tra le principali e assolutamente imperdibili ricordiamo la “Fiera Nazionale del Marrone”, che si svolge a Cuneo il terzo fine settimana di ottobre e rappresenta una vetrina unica delle eccellenze del territorio cuneese. All’evento partecipano centinaia di espositori provenienti dall’Italia e dall’estero, tutti attentamente selezionati in nome della qualità dei prodotti esposti. Degna di nota è “Peccati di Gola”, la Fiera Regionale del Tartufo che ha luogo in novembre a Mondovì: un vero e proprio viaggio del gusto, un’esperienza multisensoriale alla scoperta delle eccellenze culinarie e culturali del monregalese.

cuneo

Nel periodo invernale è invece di grande importanza la Fiera Nazionale del Bue Grasso di Carrù, che, nata nel 1910, costituisce non solo un tradizionale appuntamento commerciale e folcloristico, ma è anche, e soprattutto, la celebrazione della gente di Langa. Il freddo intenso, le prime luci dell’alba, le canzoni spontanee, la consegna delle ambitissime gualdrappe e poi il Bollito che viene servito fino a tarda sera sono il ripetersi di un rito antico e il perpetuarsi della poesia di un tempo.

Dopo gli appuntamenti fieristici primaverili, per rinfrescarsi dalla calura estiva, arriva “C’è Fermento!”, la festa saluzzese che celebra la birra, proponendo uno spaccato della migliore produzione artigianale del nord ovest, con degustazioni, incontri e laboratori del gusto.

Picnic: specialità da gustare solo e soltanto nelle trattorie tipiche

cuneo

La provincia di Cuneo offre una varietà immensa di prodotti tipici, eccellenti per tutti i gusti: vini e formaggi, salumi, carne bovina piemontese e lumache, ortaggi e frutta, porri e zucche, patate e castagne, funghi, agnello Sambucano e grano saraceno, eccellenti prodotti con riconoscimenti a livello nazionale e comunitario.
I sapori e i saperi tramandati da culture e tradizioni antiche hanno portato all’affermazione di prodotti agroalimentari di eccellenza, in qualche caso unici, tali da richiamare con il solo loro nome la Provincia Granda. Ne è esempio il Castelmagno D.O.P., re dei formaggi.

cuneo


Ultima offerta: cosa offre la Provincia di Cuneo che nessun altro può vantare?

La provincia di Cuneo è la terza in Italia per estensione, per questo è conosciuta anche come La Granda. Un territorio così vasto presenta una grande varietà di paesaggi e, di conseguenza, un’altrettanta varietà di attrattive turistiche: montagna, pianura, collina e ancora castelli, residenze sabaude, ville signorili, forti e musei. Una peculiarità che vanta la Cuneo è la sua posizione favorevole per raggiungere in breve tempo sia il mare (Liguria e Costa Azzurra) che la montagna. Che dire… venite a scoprirci! Tutte le informazioni su Cuneo e la sua provincia le potete trovare al portale Cuneoholiday.com.

cuneo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *