Raddoppia la multa per i passeggeri senza cintura

Nei prossimi mesi potrebbe cambiare il Codice della strada. La commisione trasporti della Camera ha proposto una modifica secondo la quale, nel caso un passeggero maggiorenne fosse trovato senza la cintura allacciata, non verrebbe multato soltanto lui ma anche il conducente.

 

Come funziona oggi

La proposta verrà esaminata nei prossimi giorni dalla Camera e in settembre dal Senato e, se il pacchetto di modifiche dovesse rimanere intatto, assisteremmo ad un importante cambiamento, che in pratica duplica l’importo della multa per il mancato impiego delle cinture in macchina.

Ad oggi, infatti, ogni passeggero risponde di se stesso e delle proprie infrazioni. Se da una parte il conducente ha l’obbligo di controllare che tutti abbiano le cinture allacciate, ed eventualmente rifiutarsi di partire qualora non lo fossero, dall’altra il codice della strada non lo ritiene responsabile a livello amministrativo delle mancanze di uno dei passeggeri. Viene ritenuto responsabile solo a livello assicurativo, in caso di incidente, per i danni riportati dal passeggero.

La situazione è diversa, ovviamente, se a bordo ci sono dei passeggeri minorenni. In quel caso è il conducente a dover pagare la multa se questi non hanno le cinture allacciate, tranne nei casi in cui a bordo è presente come passeggero un genitore o un’altra persona deputata al loro controllo e quindi anche ad accertarsi che abbiano le cinture allacciate.

Facciamo un esempio: famiglia che viaggia, un genitore guida e l’altro è passeggero insieme ai figli minorenni. In questo caso la multa viene comminata al genitore che non guida. Il codice della strada infatti prevede che sia lui a dover vigilare sui figli, non avendo l’incombenza della guida. In ogni caso, però, la multa non è mai doppia.

 

Cosa potrebbe cambiare

Se le modifiche proposte dovessero entrare in vigore (i tempi non sono ancora certi, ma sicuramente non prima della fine dell’anno) in caso di passeggero maggiorenne trovato senza cintura allacciata, le multe diventerebbero due: una al passeggero trasgressore e una per il conducente.

Fanno eccezione solo i tassisti e gli NCC, che non saranno ritenuti responsabili per le infrazioni commesse dai loro clienti, ma solo se all’interno dell’abitacolo avranno attaccati cartelli che informano dell’obbligo di cintura a bordo.

In attesa di sapere se questa modifica del codice della strada andrà in porto, ricordiamo che è sempre bene allacciare le cinture, per la propria sicurezza e quella degli altri passeggeri. Un innasprimento delle sanzioni è un motivo in più per fare attenzione, anche considerando se vi trovate a bordo di un’auto a noleggio: le agenzie infatti tendono a maggiorare il costo delle multe ricevute dai loro clienti per le spese amministrative che sostengono. Se siete al volante, quindi, fate attenzione anche ai passeggeri: il costo al contrario potrebbe essere molto salato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *