Guida definitiva alla Svizzera on the road

La guida definita per un road trip da sogno alla scoperta della Svizzera!

Nel cuore dell’Europa, tra maestose catene montuose e magiche valli, si nasconde un vero e proprio gioiello del nostro continente, la Svizzera, in grado di incantare i viaggiatori grazie alle sua bellezze senza tempo e ai suoi paesaggi mozzafiato. Per coloro che desiderano vivere un’esperienza indimenticabile, un viaggio in auto attraverso i suoi paesaggi è l’unico modo per scoprirne i segreti che, come vedremo, sono tantissimi.

Passwang Pass

Questo itinerario è stato concepito in modo da poter esplorare gran parte del territorio svizzero in un lasso di tempo ragionevole, 10 giorni. Per quanto generico un itinerario possa essere, ogni viaggio presenta le sue caratteristiche uniche. Ognuno ha le proprie esigenze, dei gusti unici, curiosità specifiche o limiti individuali. Per questo proveremo ad offrire delle alternative a chi ad esempio viaggia con dei bimbi oppure a chi in cima a una montagna non può o non vuole arrivare. Gli spunti saranno moltissimi, così da riempire, se lo vorrete, ancora più giorni di quelli previsti.

Il nostro consiglio è quello di rimanere il più a lungo possibile in questo paese incantato, pur sapendo che i sogni, prima o poi, devono finire.

Cosa vedremo in questo viaggio

Il nostro itinerario prende il via dalla pittoresca Ginevra, nel suo affascinante centro storico, con raffinate e complesse architetture che raccontano secoli di storia. Da qui, ci dirigiamo verso Losanna, attraversando le vigne di Lavaux, un patrimonio dell’UNESCO che regala panorami mozzafiato sulle rive del Lago Lemano. La successiva tappa ci conduce a Berna, la capitale svizzera, dove l’atmosfera medievale si mescola con la modernità, creando un connubio unico.

Il percorso del nostro viaggio

Il nostro percorso continua a Lucerna, dove ci aspettano avventure tra le vette montuose del Titlis, le sponde tranquille del suo lago o il fascino senza tempo di Monte Pilato. Da qui faremo un salto alle Cascate del Reno, un vero spettacolo naturale che ci lascerà a bocca aperta prima di immergerci nella vivace Zurigo, città cosmopolita che offre una ricca gamma di esperienze culturali, dallo zoo al museo Kunsthaus, passando per le affascinanti vetrate di Chagall nella chiesa di Fraumünster.

A questo punto il nostro viaggio effettua una tappa oltre confine, nel piccolo Liechtenstein, alla scoperta della sua capitale Vaduz. Esploreremo le terre di Heidi a Maienfeld e la magica atmosfera di Chur. Ad aspettarci il giorno dopo è la Val Verzasca, con la sua bellezza selvaggia, mentre Locarno e Lugano ci culleranno con il loro fascino mediterraneo prima di fare ritorno a Lucerna.

Tra le cime maestose di Grindelwald, il Lago Bachalpsee e l’emozionante Aareschlucht, ci immergeremo in un paesaggio da favola. Il viaggio ci porta poi a Lauterbrunnen, con la possibilità di esplorare in bicicletta la sua valle incantata, prima di salire verso l’indimenticabile Jungfraujoch, il Top of Europe, e il suo suggestivo Palazzo di Ghiaccio, un vero paradiso per i più piccoli.

Zermatt con il Cervino sullo sfondo

Il nostro percorso ci conduce anche a Zermatt, dove un treno a cremagliera ci porterà in cima al Gornergrat, regalandoci panorami mozzafiato sul Cervino. Infine, Montreux ci accoglie con il suo Castello di Chillon e il divertente Swiss Vapeur Parc, prima di immergerci nel mondo di Charlie Chaplin a Corsier-sur-Vevey e scoprire la fiabesca Gruyères prima di chiudere il cerchio a Ginevra.

Questo viaggio in auto è un viaggio attraverso le meraviglie della Svizzera, un connubio perfetto tra città storiche, paesaggi mozzafiato ed esperienze indimenticabili che lasceranno un’impronta indelebile nei cuori di chiunque intraprenda questo incantevole percorso.

1) Si parte! Da Ginevra a Berna

Scegliere Ginevra come punto di partenza è stata una scelta quasi obbligata, per via della particolare conformazione geografica della Svizzera e dal fatto che si trova particolarmente vicina sia all’Italia, sia alla Francia. Inoltre, l’aeroporto di Ginevra è uno dei più serviti del paese. Una volta atterrati e dopo aver ritirato la vostra auto a noleggio, il viaggio può cominciare! 

Il nostro primo giorno di viaggio prevede già diverse attività ma, a seconda del vostro orario di arrivo, è possibile che dobbiate rinunciare a qualcosa.

Se siete approdati a Ginevra di mattina, non potrete non visitare il suo cuore pulsante, un incantevole mix di storia e modernità. Le strette strade lastricate del centro storico ci accolgono tra antichi edifici e tipici caffè mitteleuropei. La Cattedrale di San Pietro, con la sua imponente facciata, è il punto di partenza perfetto per immergersi nella storia della città.

Ginevra ospita il “Palazzo delle Nazioni”, sede delle Nazioni Unite

Qui potrete consumare una rilassata colazione post-viaggio, oppure decidere di fermarvi per un pranzo leggero. Dopo aver assaporato l’atmosfera unica di Ginevra, ci dirigiamo verso le rive del Lago Lemano, dove il blu scintillante delle sue acque incontra il verde dei parchi circostanti, sempre ben curati. Un breve respiro di aria fresca lungo il lago ci prepara per la prima vera tappa del nostro viaggio: Losanna.

La nostra tabella di marcia non prevede una visita alla città, ma vi basterà attraversarla per capire che Losanna è una cittadina dal clima cosmopolita e animata dai tanti giovani studenti universitari. Il lungolago e le boutique alla moda tenteranno di farvi cambiare idea, ma fidatevi di noi e proseguite dritti fino ad imboccare la strada per i celebri Vigneti di Lavaux. Questa regione vinicola, patrimonio dell’UNESCO, offre panorami spettacolari sul lago e sulle montagne circostanti. Un breve tour tra le vigne (ne esistono di guidati) ci permette di assaporare i pregiati vini locali e di godere della tranquillità del paesaggio rurale. 

Vigneti di Lavaux

Con il tramonto dipinto nel cielo dietro le vigne, ci dirigiamo verso Berna, la capitale svizzera. Questa città medievale ci accoglie con il suo centro storico dichiarato anch’esso patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. La serata a Berna è l’occasione perfetta per degustare la cucina svizzera in uno dei caratteristici ristoranti locali. Dalla fondue al cioccolato, la Svizzera sa come conquistare i palati dei viaggiatori. Tra tante prelibatezze, non fatevi sfuggire il Berner Platte, un piatto unico composto da diversi tipi di carne, fagioli, crauti e patate, ovviamente tipico di Berna.

Se avete ancora delle energie da spendere, vi aspetta una passeggiata serale per ammirare torri medievali, ponti di pietra e soprattutto la Zytglogge, la famosa torre dell’orologio. Una passeggiata che, oltre a favorire la digestione, vi farà letteralmente tornare indietro nel tempo.

Il primo giorno del nostro viaggio si conclude con il calore della cultura svizzera e la promessa di scoperte ancora più affascinanti nei giorni a venire.

2) Lucerna

Il secondo giorno del nostro affascinante viaggio inizia con il trasferimento da Berna a Lucerna, una cittadina incantevole situata sulle rive dell’omonimo e pittoresco Lago di Lucerna. Sarà bene svegliarsi presto, poiché oggi vi aspetta la vostra prima gita in alta quota.

Dopo circa un’ora di viaggio, saremo d’arrivo a Lucerna. Qui verremo accolti da tante case colorate riflesse nelle calme acque del lago, creando uno scenario da cartolina, perfetto per una passeggiata mattutina rilassante. Ma siamo appena al secondo giorno di viaggio, la montagna ci aspetta! E poi, fidatevi di noi, torneremo più avanti ad assaporare l’atmosfera unica di Lucerna, in marcia! 

Monte Titlis

Ci dirigiamo dunque verso il maestoso Titlis, una delle vette più iconiche delle Alpi svizzere. Da Lucerna si impiegano circa 35 minuti per arrivare ad Engelberg, punto di partenza per l’ascesa al monte Titlis. La funivia ci regala panorami mozzafiato, mentre il paesaggio innevato ci avvolge gradualmente. Una volta in cima, la vista sarà semplicemente epica. Il ponte sospeso più alto d’Europa, il “Titlis Cliff Walk“, offre emozioni forti e una vista aerea delle valli sottostanti. Non ve lo fate sfuggire.

Ritornati a Lucerna, ci dirigiamo verso le rive del Lago di Lucerna per il pomeriggio di relax che vi avevamo promesso. Le montagne che circondano il lago creano uno sfondo perfetto per una crociera o una passeggiata lungo le sue rive tranquille.

Se invece l’escursione mattutina non vi è bastata e siete tornati a Lucerna per l’ora di pranzo, allora correte a Kriens e prendete la funivia che vi porterà in cima al Monte Pilato. Questa montagna leggendaria è nota per la sua connessione con le leggende medievali e offre una vista spettacolare sulla regione.

Lucerna

La sera Lucerna ci offre l’opportunità di gustare la cucina locale in un ristorante sulle rive del lago o di esplorare il pittoresco centro storico. Il secondo giorno del nostro viaggio si rivela un’esperienza ricca di emozioni e panorami straordinari, preparandoci per le avventure che ci attendono nelle prossime tappe della nostra esplorazione.

3) Cascate del Reno e Zurigo

Evviva! Oggi ci concediamo qualche minuto di sonno in più. Il terzo giorno del nostro viaggio ci conduce attraverso una giornata tranquilla, un’armoniosa fusione di natura e cultura, ad un ritmo più rilassato ma altrettanto affascinante.

Iniziamo la giornata dirigendoci verso le spettacolari Cascate del Reno, una delle meraviglie naturali della Svizzera, nonché le cascate più potenti d’Europa. Il fragore dell’acqua che si tuffa prepotentemente nel bacino sottostante genera un’atmosfera unica, per alcuni financo spaventosa. Un sentiero panoramico ci consente di avvicinarci alle cascate immersi nella splendida natura che fa da cornice al fronte d’acqua.

Le cascate del Reno a Schaffhausen

Dopo questa esperienza rigenerante, facciamo rotta verso Zurigo, una città che unisce il fascino storico con l’effervescenza della modernità. La prima tappa, imperdibile se siete in compagnia di bambini, è lo zoo di Zurigo, un luogo dove la fauna selvatica si presenta in un ambiente curato e accogliente. La varietà di animali, dai panda rossi agli elefanti, offre un’esperienza educativa e divertente per tutte le età.

Proseguendo nella nostra esplorazione di Zurigo, ci immergiamo nelle opere d’arte al Kunsthaus, uno dei musei più prestigiosi della città. Da espressionisti a impressionisti, la collezione abbraccia una vasta gamma di stili artistici, garantendo una visita ricca e stimolante.

Con ancora un po’ di tempo a disposizione, ci dirigiamo verso la chiesa di Fraumunster dove potremo ammirare le celebri vetrate dipinte da Chagall. Arrivando al tramonto, potrete ammirare i riflessi colorati che accenderanno le vetrate e tutta la chiesa. Questo tocco artistico finale completa il nostro giro culturale in città.

Un dettaglio delle finestre dipinte da Chagall in Fraumunster

Il pomeriggio ci riporta a Lucerna, dove possiamo riposarci sulle esperienze della giornata mentre ci godiamo una tranquilla passeggiata lungo il lago o nei pittoreschi vicoli del centro storico. La cena in uno dei ristoranti locali completa questa giornata ricca di esperienze, preparandoci alle prossime avventure in arrivo.

4) Vaduz – Maienfeld

Il quarto giorno del nostro viaggio si preannuncia ricco di attività. Sentitevi liberi di saltarne qualcuna, in fondo siete in vacanza!

La mattina presto ci dirigiamo verso Vaduz, la capitale del piccolo ma affascinante Principato del Liechtenstein. Con le sue strade pittoresche e un bellissimo castello che sovrasta la città, Vaduz ci regala un assaggio di questa piccola nazione incastonata tra le Alpi. Una passeggiata attraverso il centro storico ci permette di scoprire la sua atmosfera unica prima di proseguire il nostro viaggio.

Il magnifico castello di Vaduz

Dopo questa breve immersione nel Liechtenstein, facciamo rotta verso Maienfeld, il paese in cui è ambientato il celebre romanzo di Heidi. Queste montagne hanno ispirato intere generazioni grazie al loro inconfondibile fascino. Qui, tra pascoli verdi e chalet di legno, vivremo un pranzo autentico, gustando prelibatezze locali circondati da panorami mozzafiato. È un luogo che incanta grandi e piccini, ideale per chi cerca calma e serenità.

Nel tardo pomeriggio, avendo a disposizione tempo ed energie, ci dirigiamo verso Chur (Coira), la città più antica della Svizzera nonché capoluogo del Cantone dei Grigioni. Con il suo centro storico ben conservato, Chur offre un viaggio nel tempo attraverso le sue strette stradine tortuose e le antiche case dai tetti spioventi. Per iniziare ad esplorare i suoi 5000 anni di storia, potremo partire dalla cattedrale di Santa Maria per poi proseguire l’esplorazione di tutto il centro storico, mentre il Museo delle Belle Arti di Graubünden ci offre un’immersione nella cultura locale.

Chur

Al calare della sera, facciamo ritorno a Lucerna. L’autostrada ci offre una piacevole vista sulle montagne al tramonto, creando un’atmosfera magica mentre ci avviciniamo alla nostra base. La giornata si conclude con la prospettiva di nuove scoperte nel cuore della Svizzera, preparandoci per il prossimo capitolo del nostro entusiasmante viaggio.

5) Val Verzasca – Locarno

Il quinto giorno del nostro viaggio si apre con una sublime immersione nella natura della Valle Verzasca, una valle incantata incastonata tra montagne maestose e acque cristalline a circa 2 ore da Lucerna. Ci dirigiamo verso questo scrigno di serenità, dove il fiume Verzasca serpeggia tra massi di granito levigati dall’acqua e i paesaggi catturano il cuore di chiunque li contempli. Nella valle trova spazio anche un antichissimo ponte romano in pietra, detto ponte dei salti, diventato la mascotte culturale della valle. Un’escursione rilassante lungo le rive del fiume o attraverso i sentieri panoramici ci permetterà di assaporare la bellezza autentica di questo angolo idilliaco della Svizzera.

Un esempio di ciò che vi aspetta nella Valle Verzasca

Dopo una mattinata rigenerante nella natura, nel pomeriggio puntiamo la nostra auto verso Locarno, una città situata sulle sponde del Lago Maggiore. Qui, tra le strette stradine del centro storico e i caffè affacciati sul lago, ci immergiamo nella vibrante atmosfera mediterranea di questa città lacustre. La Piazza Grande, circondata da edifici storici e accoglienti ristoranti, è il cuore pulsante della città.

In alternativa, per coloro che desiderano ampliare le loro esperienze, o per chi ha iniziato la giornata con energia, Lugano offre un’ulteriore opzione molto affascinante. Questa città sul Lago di Lugano è famosa per i suoi eleganti lungolaghi, i giardini fioriti e la vivace scena culturale. La Città Vecchia, con le sue stradine strette e i caffè accoglienti, è il luogo ideale per una passeggiata rilassante.

Una splendida panoramica su Lugano e il suo bellissimo lago al tramonto

Sia che si scelga Locarno, Lugano o entrambe, il pomeriggio si conclude con la vista di un tramonto spettacolare sul lago, regalandoci momenti di pace e contemplazione. Siamo a metà del nostro viaggio, siete già stanchi?

6) Grindelwald – Monte First e lago Bachalpsee

Il sesto giorno del nostro viaggio si cambia campo base. In circa un’ora e mezza arriviamo a Grindelwald, che promette di deliziarci con la sua bellezza senza tempo. È un pittoresco villaggio alpino circondato da cime imponenti. I vicoli e le case tradizionali ci trasportano in un mondo fiabesco dall’atmosfera alpina e dal profumo di legno di abete.

Ma non è ancora il momento di visitare Grindelwald! Posate le valigie, mangiate una brioche e scaldate i muscoli per l’escursione di oggi. Si fa rotta verso il Monte First. Andiamo!

Una comoda cabinovia panoramica ci conduce in cima a questa vetta che, se confrontata con le montagne intorno, appare molto meno imponente. Ma l’altezza non è tutto nella vita: la sua posizione è decisamente privilegiata e proprio per questo la vista sulle Alpi svizzere lascia senza fiato.

È possibile raggiungere questa cima anche con un trekking da Grindelwald ma, giusto per sicurezza, vi ricordiamo che al contrario la strada è in discesa! Le attività qui non mancano, dalle mountaincart alle mountain bike. Potrete prendere parte a trekking organizzati oppure percorrere la celebre First Cliff Walk by Tissot, una passeggiata di circa 15 minuti su una passerella sospesa dalla vista impareggiabile. Per chi soffre di vertigini, esiste un sentiero montano che vi consentirà di proseguire senza dover guardare in basso. Il Monte First è anche la porta di accesso al celebre First Flyer, un’esperienza di volo sopra valli e boschi che regala adrenalina e viste spettacolari.

La “vertiginosa” passerella del First Cliff Walk

Dopo aver vissuto le emozioni palpitanti del Monte First, ci dirigiamo verso il pittoresco Lago Bachalpsee, situato a 2265 metri di altitudine. Questo specchio d’acqua di montagna è incastonato tra pascoli verdi e offre uno scenario idilliaco. È considerato una vera e propria perla tra i laghi di montagna e viene infatti chiamato “il gioiello delle Alpi”. Nelle sue acque limpide si specchiano il Wetterhorn, lo Schreckhorn e il ghiacciaio di Grindelwald. Una breve escursione ci permette di raggiungere le rive del lago, dove la calma e la serenità regnano sovrane.

Il gioiello delle Alpi“: il lago Bachalpsee

Da qui è possibile ridiscendere verso Grindelwald in diversi modi. Potrete volare, pedalare, guidare una mountaincart, prendere la cabinovia, lanciarvi con la zip-line o semplicemente camminare (circa 2 ore di discesa). C’è l’imbarazzo della scelta!

La zip-line che dal First riscende verso Grindelwald

Il pomeriggio ci riporta dunque a Grindelwald, dove possiamo passeggiare tra i negozi di souvenir o rilassarci in un accogliente caffè alpino. Se capitate qui a Gennaio, non perdetevi il festival mondiale della neve, che ospita scultori di ghiaccio da tutto il mondo.

Capirete presto perchè Grindelwald è così importante: in estate è possibile sfruttare oltre 300 kilometri di sentieri che si snodano in quest’area, mentre d’inverno sono disponibili 213 chilometri di piste sciistiche. Insomma, una “montagna 4 stagioni”…

La sera è un momento perfetto per godere della cucina locale in uno dei caratteristici ristoranti del villaggio, assaporando prelibatezze tradizionali che riflettono l’autenticità della cultura svizzera.

L’idilliaco villaggio di Grindelwald

Il sesto giorno del nostro viaggio è una perfetta sintesi tra avventura e relax, un’esperienza che ci avvicina alla maestosità delle Alpi svizzere e ci regala scorci impareggiabili di questa regione incantevole. Se pensate che la Svizzera sia finita qui, vi sbagliate di grosso. Ora si fa sul serio.

7) Jungfraujoch

Il settimo giorno di viaggio ci offre un’esperienza straordinaria, una giornata ad alta quota, raggiungendo lo Jungfraujoch, il “Top of Europe“.

In tedesco significa “la sella della fanciulla” e nel 2001 è stato dichiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO. È di fatto la sella che si trova tra il Monte Jungfrau e il Monte Mönch. Vediamo come arrivare.

La mattina presto ci imbarchiamo su uno dei treni a cremagliera più belli del mondo, la Ferrovia dello Jungfrau. Questa avventura inizia a Kleine Scheidegg e si snoda attraverso paesaggi alpini mozzafiato, attraversando gallerie scavate nella roccia e passando per stazioni panoramiche. L’ascesa culmina nella stazione ferroviaria più alta d’Europa, situata a ben 3.454 metri sopra il livello del mare.

Il treno a cremagliera dello Jungfrau

Giunti in cima, ci accoglie uno spettacolo indescrivibile. Il panorama sulle cime innevate delle Alpi circostanti è semplicemente epico. La vista si estende su un mondo di ghiaccio e neve, con il maestoso Aletsch Glacier che si snoda sotto di noi.

Una delle prime attività della giornata è proprio l’esplorazione del Glacier Plateau, una superficie ghiacciata dove si può camminare e godere di panorami a 360 gradi. Da un lato il ghiacciaio dell’Aletsch nella sua interezza, dall’altro una vista sulla Foresta Nera, il tutto incastonato tra le vette alpine. Impareggiabile.

Un lato del Glacier Plateau

Per chi ha voglia di divertirsi un po’, lo Snow Fun Park offre opportunità di svago, tra sci, snowboard, slittini e giochi sulla neve.

Se invece avete voglia di vedere qualcosa di diverso, dirigetevi al Palazzo di Ghiaccio, un vero capolavoro architettonico che ci invita ad esplorare i suoi corridoi scintillanti e le camere affrescate di ghiaccio. È un’esperienza unica e surreale, consigliatissima soprattutto se viaggiate con dei bambini.

All’interno del Palazzo, le camere si svelano come veri e propri tesori artistici. Le sculture di ghiaccio, finemente dettagliate e illuminate con giochi di luce, trasformano ogni stanza in un’esperienza unica. I visitatori possono ammirare opere d’arte ghiacciate, da sculture di animali a figure mitologiche, mentre il soffitto di cristalli di ghiaccio aggiunge un tocco di magia al contesto. Una delle attrazioni più suggestive è la Sala del Trono, dove un imponente trono di ghiaccio si erge nel centro.

Il pomeriggio è il momento ideale per la visita allo Sphinx Observatory, un osservatorio scientifico che offre una vista spettacolare grazie alla sua terrazza panoramica, che ci permetterà di scattare fotografie indimenticabili delle cime circostanti.

Un’alternativa per il pomeriggio può essere rappresentata da una visita alle bellezze lacustri della regione, visitando Interlaken o Thun. Interlaken, situata tra il Lago Thun e il Lago di Brienz, è una delle mete più iconiche dell’Oberland Bernese, incastonata all’interno di una cornice naturale unica. Qui avremo la possibilità di passeggiare lungo le rive del lago e rilassarci in un’atmosfera “quasi” tranquilla. Diciamo così perchè Interlaken, a causa della sua bellezza, è anche una delle mete più affollate dai turisti. 

Proprio per questo, se vorrete evitare ad ogni modo il caos, vi proponiamo un’ulteriore alternativa, la splendida cittadina di Thun. Con il suo storico castello affacciato sul lago, Thun è altrettanto affascinante ma in un ambiente più tranquillo. Entrambe le destinazioni offrono la possibilità di immergersi nella cultura locale, esplorare negozi caratteristici e godere di una pausa rilassante prima di rientrare in Grindelwald. Che tu scelga Interlaken o Thun, questa tappa ti consentirà di abbracciare la bellezza alpina e lacustre in un’unica giornata indimenticabile.

Lo spettacolare castello di Oberhofen, a poca distanza da Thun

La giornata si conclude con il ritorno a Grindelwald. Lo Jungfraujoch rimarrà per sempre nei nostri cuori, grazie ad una giornata indimenticabile sulle vette del mondo.

8) Aareschlucht – Lauterbrunnen

L’ottavo giorno del nostro viaggio è dedicato all’esplorazione di due gioielli naturali straordinari: Aareschlucht e Lauterbrunnen. Questa giornata promette emozioni e paesaggi unici che ci lasceranno senza fiato, accomunati da una caratteristica naturale molto peculiare: altissime pareti di roccia. Tranquilli, noi le guarderemo dal basso!

La mattina inizia con una visita ad Aareschlucht, una delle gole più spettacolari della Svizzera. Il fiume Aare ha scolpito un’impressionante gola attraverso la roccia calcarea, creando un passaggio stretto e suggestivo. Attraversiamo la gola attraverso un sentiero pedonale e una passerella di legno sospesa sopra le acque tumultuose. La luce filtrante attraverso le pareti di roccia crea giochi di ombre e luci, rendendo l’esperienza ancora più magica. Il fragore dell’acqua e la maestosità delle pareti rocciose ci regalano uno spettacolo indimenticabile.

Nel pomeriggio ci dirigiamo verso la pittoresca Valle di Lauterbrunnen, un luogo incantevole circondato da altissime pareti rocciose e imponenti cascate. Ogni angolo della valle è una cartolina vivente, con pascoli verdi punteggiati di fiori selvatici e il suono rassicurante delle cascate che si riversano nelle acque cristalline del fiume Lütschine. La cascata di Staubbach, che si tuffa da un’altezza di quasi 300 metri, è uno spettacolo impressionante, nonché la terza cascata più alta della Svizzera

Il cuore di Lauterbrunnen è il suo villaggio alpino, dove case dai tetti spioventi e fiori colorati creano un’atmosfera fiabesca. Il modo migliore per esplorare la valle, è certamente quello di noleggiare una bici elettrica, preparare una merenda al sacco, e pedalare senza meta alla scoperta di quante più cascate possibile! Un pic-nic sull’erba vi permetterà di apprezzare appieno questo luogo magico e di ricaricare le energie per il ritorno.

La magica valle di Lauterbrunnen

Lauterbrunnen è anche la porta d’accesso ad alcune delle stazioni sciistiche più celebri della Svizzera, come Wengen e Mürren. Per coloro che desiderano un’esperienza più attiva, è possibile intraprendere escursioni panoramiche o prendere la funivia fino a Grütschalp, che offre uno spettacolare punto di osservazione sulla valle sottostante.

La serata offre l’opportunità di gustare una cena rilassante in un ristorante locale, magari con vista sulle cascate di Lauterbrunnen. Questa giornata, ricca di avventure naturali e scenari incantevoli, si conclude con il meritato riposo di cui abbiamo bisogno per la giornata di domani.

9) Zermatt

Il nono giorno del nostro affascinante viaggio ci porta verso la rinomata località alpina di Zermatt, un gioiello invidiato da tutto il mondo. Da qui, potremo ammirare in vari modi una delle montagne più belle del mondo, il Cervino o Matterhorn per i locali.

Intraprendiamo un viaggio indimenticabile a bordo del treno a cremagliera per Gornergrat. Questo pittoresco tragitto ci offre una vista panoramica sulle cime circostanti, culminando con uno sguardo mozzafiato sul maestoso Cervino. L’arrivo a Gornergrat, a un’altitudine di 3.135 metri, ci regala un panorama a 360 gradi sulle più alte vette delle Alpi, un’esperienza che rimarrà incisa nei nostri ricordi.

Il Cervino riflesso nel lago Riffelsee

Scendendo dal Gornergrat, una breve escursione ci porta al lago Riffelsee, uno specchio d’acqua cristallina quasi ai piedi del Cervino. La vista speculare del Cervino riflesso nelle acque del lago non ha bisogno di presentazioni, essendo tra le cartoline più iconiche di tutto l’arco alpino.

Nel pomeriggio ci dirigiamo al Gorner Gorge, a poco più di 20 minuti a piedi dal centro di Zermatt. Un canyon scolpito dall’erosione del fiume Gornera dove, attraverso passerelle di legno e ponti sospesi, esploreremo la bellezza selvaggia di questa gola, tra alte pareti rocciose, insenature nascoste e splendide piscine naturali. Lo scorrere dell’acqua si alterna tra impetuose cascatelle e silenziosi rivoli. Il percorso è molto semplice, consigliato a grandi e piccini.

Nel tardo pomeriggio, ci immergiamo nella storia e nell’atmosfera di Hinterdorfstrasse, una via pittoresca di Zermatt. Con le sue antiche case di legno, negozi caratteristici e la tipica aria alpina, questa strada ci trasporta indietro nel tempo, dandoci l’opportunità di immergerci nella tradizione di Zermatt.

Una spettacolare vista del Cervino dopo il tramonto

Per gli avventurosi, Zermatt offre la possibilità di vivere un’esperienza unica: il parapendio con il Cervino sullo sfondo. Lasciandovi trasportare dal vento, godrete di una prospettiva unica su una delle più belle vette al mondo, una visione generalmente riservata solo alle creature alate. Che volete di più? Fatevi coraggio e spiccate il volo!

La serata si conclude con una cena rilassante presso uno dei ristoranti locali, gustando prelibatezze culinarie accompagnate da viste spettacolari sulle cime circostanti. Il nono giorno è un viaggio attraverso la magnificenza alpina e l’autenticità di Zermatt, un capitolo indimenticabile nel nostro percorso in Svizzera.

10) Montreux

Il nostro decimo e ultimo giorno di viaggio inizia con un breve viaggio verso la raffinata Montreux. Tuttavia, prima di arrivare in questa elegante cittadina, consigliamo di fare una piccola deviazione verso lo Swiss Vapeur Parc, soprattutto se siamo in compagnia di bambini. Questo parco ferroviario in miniatura offre un’incredibile esposizione di treni a vapore in scala ridotta su una vasta rete ferroviaria, garantendo tanto divertimento in una cornice assai pittoresca.

Gli appassionati di treni possono ammirare una vasta collezione di locomotive a vapore fedelmente riprodotte, ognuna con il suo carattere e storia. Per i più piccoli, lo Swiss Vapeur Parc è invece un paradiso giocoso. Un trenino turistico accompagna i visitatori in un percorso panoramico attraverso il parco, offrendo una visione completa delle miniere e delle valli ricreate in scala ridotta. Inoltre, i giardini ben curati, le aree giochi e le panchine panoramiche contribuiscono a garantire relax e divertimento.

La visita allo Swiss Vapeur Parc è non solo un’occasione per ammirare l’ingegno ferroviario svizzero in miniatura, ma anche un modo divertente di apprezzare la storia e la tradizione di questo paese attraverso una prospettiva del tutto unica.

Rimettiamoci in marcia e giungiamo a Montreux, dove ci attende una doppia dose di cultura e storia. La prima tappa è al Castello di Chillon, una fortezza affacciata sulle rive del lago. Esploriamo le sue antiche sale, passeggiando tra le mura medievali e godendo di viste spettacolari sulle acque azzurre del Lago Lemano.

Il castello di Chillon

I tuffi nel passato non finiscono qui. Ci dirigiamo infatti a Corsier-sur-Vevey per una visita al Musée Chaplin, dedicato alla vita e all’opera del leggendario attore e regista Charlie Chaplin. Qui, attraverso esposizioni interattive, scopriamo il genio creativo di Chaplin e la sua influenza duratura nel mondo del cinema. Un must per gli appassionati di cinema e un’esperienza educativa per tutti.

Per coloro che preferiscono un’alternativa al museo, Gruyères si presenta come una tappa eccezionale. Il suo castello medievale e la rinomata fabbrica di formaggi offrono un’immersione nella tradizione svizzera. La sera le stradine centrali della città diventano luoghi incantati e pieni di luci, perfetti per un ultima cena romantica per chiudere il viaggio con dolcezza.

Concludiamo il nostro viaggio con il ritorno a Ginevra dove, purtroppo, termina la nostra avventura.

Cosa rimarrà di questo viaggio?

Al termine di questo viaggio attraverso la Svizzera, ci ritroveremo con un bagaglio di esperienze senza eguali. Rimarranno indelebili i panorami straordinari delle Alpi svizzere, dalle maestose vette innevate ai laghi silenziosi e tranquilli, senza dimenticare i tanti villaggi pittoreschi. 

La scelta di un’auto a noleggio è fondamentale per immergersi appieno in questa esperienza, consentendo l’esplorazione di ogni angolo del paese in maniera comoda e rapida. Senza un’auto a noleggio, questo viaggio non sarebbe possibile.

Altri articoli di Daniele Cavalieri
Quanto sono disciplinati gli italiani alla guida?
È opinione universalmente condivisa che gli italiani, tra una pizza e l’altra,...
Continua a leggere
Partecipa

1 Commenti

Lascia un commento
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *