Catania e dintorni

La Sicilia è un paradiso in terra, una regione in grado di coniugare natura, arte, cultura, gastronomia, sole e mare in maniera praticamente perfetta. Non dovete neanche girare troppo, ogni angolo è benedetto, ogni panorama emozionante. Prendiamo Catania: c’è così tanto da vedere ed esplorare qui e nei suoi dintorni che non vi servirà spostarvi più di tanto per godervi una vacanza memorabile. In questo articolo vi consigliamo 6 luoghi da visitare nei dintorni di Catania (qui lo avevamo fatto con Palermo) semplicemente salendo sulla vostra auto e guidando per alcuni chilometri.

Etna

Se siete a Catania, l’Etna vi segue. Ovunque andate, se la giornata è buona, il vulcano farà in qualche modo la sua comparsa. E allora la cosa migliore da fare è salire in macchina e andare a trovarlo questo Etna, il vulcano attivo più grande d’Europa. Dal centro di Catania prendete Via Etna (e quale strada altrimenti) e uscite dalla città. In cima si arriva tramite la Strada Provinciale 141 fino al Rifugio Sapienza, dove vi consigliamo di lasciare la vostra macchina.

Da lì recatevi all’ufficio della forestale e scegliete come muovervi: potete andare a piedi, con la funivia oppure con i mezzi attrezzati per arrivare in cima. Troverte un paesaggio assolutamente particolare. “I crateri, le ceneri, le colate di lava, le grotte di lava e la depressione della valle del Bove, fanno del monte Etna una destinazione privilegiata e un importante centro di ricerca internazionale con una lunga storia di influenza sulla vulcanologia, la geologia e altre discipline di scienza della terra” sono queste le motivazioni che hanno spinto l’Unesco a fare dell’Etna un patrimonio mondiale dell’umanità e anche quelli per cui dovreste andarci il prima possibile.

Aci Trezza e Aci Castello

Forse li conoscete per il romanzo di Verga, i Malavoglia, ma Acitrezza e Acicastello sono anche due località magiche affacciate sul mare a due passi da Catania. Le due “Aci” sono attaccate e vi si arriva in pochi minuti dal centro di Catania percorrendo la SS 114 una strada panoramica che costeggia il mare.

Acicastello è famosa appunto per il castello, costruito dai Normanni su di un promontorio lavico interamente circondato dal mare. Fu la colata lavica del 1169 a collegarlo con la terraferma. Oggi al suo interno si trova il Museo Civico.

Subito dopo si trova Acitrezza, piccolo borgo di pescatori molto suggestivo. Qui si trovano i faraglioni dei Ciclopi, che non sono altro che i massi lanciati da Polifemo, situati proprio a ridosso della costa che creano scorci e panorami unici, molto amati dai catanesi che qui vengono al mare.

Qui fu ambientato “La terra trema” di Luchino Visconti e qui ancora oggi si respira un’aria antica e immobile. Visitate la suggestiva piazzetta a ridosso del mare dove arrivano le barche, il mercato del pesce e la la Casa del Nespolo, dimora in cui l’umile famiglia di pescatori dei i Malavoglia alloggiava.

Caltagirone

Meno conosciuta, ma anche la zona a sud di Catania merita di essere visitata. Il fiore all’occhiello è certamente Caltagirone, distante circa 70 chilometri da Catania e facilmente raggiungibile con la Strada Statale 417.

Famosa in tutto il mondo per le sue ceramiche, camminando per le sue strade capirete il perché. Il centro storico è pieno di botteghe di artigiani che mantengono viva questa antica arte, riempiendo le strade di colori. Salite i 142 scalini di una delle scale più colorate al mondo, la Scala di Santa Maria del Monte, e poi fermatevi ad assaporare un caffè o una granita in uno dei piccoli bar dove i siciliani amano rilassarsi.

Le gole dell’Alcantara

Andando a nord, tra Catania e Messina, si trovano le bellissime Gole dell’Alcantara (da pronunciarsi rigorosamente con l’accento sulla seconda a). Distanti circa 50 chilometri dal centro di Catania, sono un vero spettacolo della natura riportate all’attenzione dal film “Il racconto dei racconti” di Matteo Garrone.

Le gole sono un canyon naturale costituito da forre alte circa 50 metri e larghe tra i 2 e i 5 metri. L’effetto creato è particolare e stupendo, un paesaggio unico al mondo creato nel corso di migliaia di anni da fiume Alcantara.

Qui è possibile effettuare escursioni, itinerari e praticare vari sport fluviali. Ma soprattutto – se avete coraggio, visto che la temperatura dell’acqua è mediamente sotto i 10 gradi – potete fare un bagno nel fiume circondati da queste bellissime rocce. Un’esperienza da vivere.

Siracusa e Ortigia

A meno di 70 chilometri da Catania troverete la città di Siracusa e l’antistante (e magnifica) isola di Ortigia. Qui il tempo sembra essersi fermato: mare azzurro, palazzi bianchi, strade di pietra e mercati variopinti e pieni di cibo squisito.

Siracusa sembra un piccolo riassunto di tutto ciò che la Sicilia ha da offrire al suo meglio e se riuscite, non dovete mancare una visita qui. Non abbiamo neanche bisogno di indicarvi particolari monumenti o quartieri. Lasciate la vostra auto nei pressi dell’isoletta di Ortigia e immergetevi in secoli di storia. Secondo l’UNESCO, «Siracusa/Pantalica è un’eccezionale testimonianza della storia e della diversità culturale della regione di Siracusa in oltre tre millenni dal periodo Greco al Barocco».

Vi è piaciuto questo piccolo tour della provincia di Catania? Quali sono le vostre località preferite e che consigliate? Lasciate il vostro commento sulle nostre pagine Facebook, Twitter o Google+ …vi aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.