#italiaontheroad – Il Salento: lu sule lu mare e lu ientu!

Dopo la pausa natalizia e i bagordi di fine e inizio anno, siamo pronti a riprendere il nostro viaggio per le bellezze dell’Italia, raccontate da chi ci vive e che per passione e lavoro gli dedica il proprio tempo. Gli amici di @VisitSalento ci raccontano l’amore per la loro terra, e il perché vale la pena farci un salto appena possibile!

Costa salentina

Salento on the road: cosa è assolutamente vietato perdersi una volta saliti in macchina:

La litoranea da Otranto a Marina di Castro, scendendo giù fino a Santa Maria di Leuca, é forse la strada più suggestiva del basso Salento. La prima parte vicino a Otranto é conosciuta come la Scozia Salentina, e si passa vicino ad una stupenda cava di bauxite.

Faro di Palascio

Consigli dell’esperto: un tesoro nascosto che purtroppo solo i locali conoscono!

Proprio lei: la cava di bauxite vicino a Otranto, località Baia d’Orte. Una ex cava color rosso che sembra il cratere di un meteorite. É la Monument Valley salentina.

Cava di bauxite

Consigli sulla viabilità: quali sono le strade più panoramiche da percorrere e quali invece da evitare per il traffico?

Dipende molto dal periodo, in Agosto le strade vicino al mare sono trafficate soprattutto negli orari di punta in cui tutti vanno e tornano dal mare. Le strade panoramiche sono le stradine nelle campagne che scendono verso il mare, per esempio a Torre Vado o a Salve; inoltre, la strada tra Presicce e Specchia é molto suggestiva per i tornanti e la vista sul paese, uno dei borghi più belli del Salento.

Specchia

Se non ora quando?: i migliori periodi dell’anno per visitare il Salento.

A giugno e settembre, quando ci sono meno turisti ed il clima é splendido.

Usi e costumi: quali feste tradizionali o sagre sono assolutamente imperdibili?

La festa di Santa Domenica a Scorrano, capitale mondiale delle luminarie. In confronto la piazza di Times Square a New York é niente! La festa de La Munichedda, a Cannole in Agosto, é fantastica per l’atmosfera e la possibilità di assaggiare le tipiche lumache di terra e ballare la pizzica (e non solo!).

Le luci per Santa Domenica a Scorrano

Pic-nic: specialità da gustare solo e soltanto nelle trattorie tipiche.

Fave e cicuredde (fave e cicoria), paparina con olive nere (una verdura selvatica), le pittule, le sagne ritorte, le orecchiette e i minchiareddi e i mitici gnommareddi (frattaglie di agnello).

Gnommareddi

Ultima offerta: cosa offre il Salento che nessun’altra regione italiana può vantare?

Lu sule lu mare e lu ientu. L’ospitalità, lo spirito di condivisione e gli affascinanti “cunti”, antichi aneddoti raccontati dai vecchietti che si radunano d’estate appena fuori dalle loro case!

La Taranta!

Bisogna aggiungere altro?
Che aspettate a dare un’occhiata alle offerte di autonoleggio in Salento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *