#Italiaontheroad: la magia del turismo in Langa

Italiaontheroad Turismo in Langa

In questo nuovo episodio di #Italiaontheroad, l’iniziativa di promozione del territorio italiano targata Noleggioauto.it, torniamo a visitare la Langa, la storica regione del Piemonte a cavallo delle province di Cuneo e Asti. Ospite di questo episodio è l’associazione Turismoinlanga.it (Facebook, Twitter) che ci farà da guida alla scoperta dei tesori nascosti della Langa.

Italiaontheroad, turismo in Langa

Foto: Turismoinlanga.it

On the road: cosa è assolutamente vietato perdersi una volta saliti in macchina?

Bisogna guardare fuori dal finestrino e non lasciarsi scappare niente: il paesaggio delle Langhe e del Roero è magnifico in ogni sua parte: dalle colline vitate della Langa UNESCO ai boschi dell’Alta Langa, dalle rocche del Roero ai castelli sparsi un po’ dappertutto. Ogni collina, ogni vallata, ogni paese ha la sua peculiarità, e sta a voi cercarla e trovarla. Andando adagio, e fermandosi qua e là, alla ricerca del bello e del buono.

 

L’esperto suggerisce: un tesoro nascosto che purtroppo solo i locali conoscono!

Il borgo antico di Monchiero alta: andateci, poi ci direte

 

Consigli sulla viabilità: quali sono le strade più panoramiche da percorrere e quali invece da evitare per il traffico?

Sicuramente la strada che attraversa la langa del Barbaresco, da Alba a Neive, con deviazioni a perdersi per Treiso, Trezzo Tinella e Mango. Per il traffico, e per le brutture, evitate invece la statale che va da Bra ad Alba

Italiaontheroad, turismo in Langa

Se non ora quando?: quali sono i migliori periodi dell’anno per visitare la vostra zona?

L’autunno, senza dubbio, è la stagione migliore, sia per i colori che la natura offre (i rossi, gli arancio, i marroni di alberi e viti; il blu del cielo), sia per le tipicità enogastronomiche che, proprio in autunno, danno il loro meglio: tartufi, vino, piatti autunnali, castagne… però è anche la stagione più affollata: quindi, se volete stare più tranquilli, venite in primavera, magari a fine marzo, o anche a Natale, sotto la neve, quanfo ogni collina diventa un grande presepio

 

Usi e costumi: quali feste tradizionali o sagre sono assolutamente imperdibili?

Quella del tartufo di Alba è sicuramente la fiera più importante della zona, e forse d’Italia. Ma non dimentichiamoci anche di piccole sagre locali dove l’atmosfera è sicuramente più tradizionale: la Sagra degli “In” a Cossano Belbo; il Cantè j’euv che cambia sede di anno in anno; la Festa della Trippa a Barolo o le tante feste patronali dell’Alta Langa. Tra le manifestazioni contemporanee mi permetto di citare la “Caccia al tesoro nella Langa del Barolo“, ogni primo maggio.

Italiaontheroad, turismo in Langa

Foto: Turismoinlanga.it

Pic-nic: quali sono le specialità da gustare solo e soltanto nelle trattorie tipiche?

La carne cruda, i tajarin, la bagna caoda in stagione (verso l’inverno), il bunet, magari un fritto misto (non di pesce!). E ovviamente un buon vino rosso locale, non importa quale, sono tutti buoni.

 

Ultima offerta: una particolarità che nessun’altra regione italiana può vantare!

La particolarità è l’insieme dei particolari: qui trovate, al massimo livello, tante piccole eccellenze che, riunite, non esistono da altre parti: cibo, vino, paesaggio, storia, arte, tradizioni, passione, colline, montagne, pianure… E a Mombarcaro si vede anche il mare!


Ringraziamo l’associazione Turismoinlanga.it per averci raccontato i tesori nascosti della Langa!

Ci vediamo su Noleggioauto.it per organizzare il vostro prossimo viaggio nelle Langhe!

prenota ora su noleggioauto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *